Il Blog di Gianfranco Paglia dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog

\\ Blog : Storico : Articoli (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di amministratore (del 21/09/2010 @ 10:58:05, in Articoli, linkato 1063 volte)

Per non dimenticare

di Gianfranco Paglia

1° Caporal Maggiore Matteo Mureddu, Sergente Maggiore Roberto Valente, 1° Caporal Maggiore Massimiliano Randino, 1° Caporal Maggiore Gian Domenico Pistonami, Tenente Antonio Fortunato, 1° Caporal Maggiore Davide Ricchiuto. Ho volutamente scritto i loro nomi in ordine non gerarchico, erano in missione e in quel contesto il grado differanzia i compiti e le responsabilità ma non il destino che accomuna tutti. E’ passato un anno da quel tragico 17 settembre dove i Parà della Folgore durante un servizio di pattugliamento e di scorta, tra le strade di Kabul, due automezzi blindati “LINCE” del 186° Reggimento Paracadutisti Folgore di Siena, subivano un vile attacco condotto con una micidiale e potentissima carica esplosiva nascosta al lato della strada. La tremenda esplosione, provocò la scomparsa dei nostri soldati.


Ai 6 militari è stata conferita una “croce alla memoria”. Loro, come tutti i nostri soldati che compongono l’Esercito Italiano, sono i custodi di tutti quei valori fondamentali che hanno contribuito a rendere grande il nostro Paese nel mondo. Valori come Lealtà, Onore, Fedeltà, Sacrificio. Nonostante ciò, troppo spesso non sono stati capiti e per questo criticati ed ancora oggi c’è qualcuno che si permettere di giudicare il loro operato. Ma loro continuono in silenzio a fare il proprio Dovere sempre con serietà, umilta’, e con quella preparazione straordinaria che li ha sempre contraddistinti, tenendo fede al giuramento reso alla Patria. L’opinione pubblica deve capire che i soldati non rappresentano ne Governi di centro destra ne di centro sinistra, loro rappresentano la Nazione. Non definiteli Eroi essi sono “semplicemente” donne ed uomini che decidono di servire il proprio Paese indossando l’uniforme. I nostri ragazzi quando vengono inviati in Missione in terre martoriate dalla guerra sanno benissimo i rischi che corrono, ma le loro motivazioni restano altissime, perchè coscienti del fatto che il loro operato e la loro presenza possa favorire la rinascita di quel Paese. Dare la possibilità, ad una popolazione che a stento si conosce, di tornare ad avere una vita normale. Ma la qualità più grande, quella che ci rende i migliori , è di riuscire ad ottenere anche se armati il consenso tra la gente, il sorriso di un bambino . La professionalità, la determinazione, l’umanità ed il sorriso dei nostri soldati è apprezzata in tutto il mondo, sono caratteristiche che contraddistinguono solo i migliori. Sparare solo quando è necessario. Sacrificare se stesso per chi non conosci. Questo è il Soldato Italiano. La Folgore in Afghanistan ha pagato un prezzo altissimo, avendo vissuto la scomparsa anche del 1° Caporal Maggiore Alessandro Di Lisio dell’ 8 Reggimento Genio della Folgore e del Maresciallo Lorenzo D’Auria. Oggi però è doveroso ricordare anche e soprattutto chi vive dietro ogni soldato cioè le loro famiglie, che virtualmente giurano Fedeltà alle istituzioni. Il loro compito è tra quelli più ardui, supportare moralmente e fisicamente le loro scelte, le loro difficoltà, i loro sfoghi. Ma essi sono anche i primi a piangere i propri cari quando rientrano in Italia in bare avvolte dal Tricolore.


Essere Italiani vuol dire essere fieri dei NOSTRI SOLDATI e non ricordarsi di LORO solo quando Sacrificano la loro vita. Ricordiamoci di ciò che fanno anche dando loro la possibilità di una vita più che dignitosa: lo meritano.

 
Di amministratore (del 23/09/2010 @ 11:31:07, in Articoli, linkato 1779 volte)
Incontro Paglia, Agnetti, Gaiani e Marrone domani alla Casa della Musica

Soldati in Afghanistan, storie di valori


La medaglia d’oro al valor militare Gianfranco Paglia, ufficiale della Folgore, Pino Agnetti e Gianandrea Gaiani, giornalisti di guerra, e lo scrittore e paracadutista Andrea Marrone, tracceranno il profilo del nuovo modo di percepire il lavoro delle forze armate. L’appuntamento è per domani (24 settembre), alle 17.30, nella Casa della Musica in piazzale San Francesco 1. L'ingresso è libero. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad altri cambiamenti tecnici e culturali delle Forze armate, che hanno impostato nuovi rapporti con stampa e con gli intellettuali in generale. Per questo i paracadutisti dell’AnpdI di Parma e la testata telematica parmense www.congedatifolgore. com , punto di riferimento nazionale dell’ambiente, con il patrocinio della Mondial Express srl di Parma, specialista di trasporti verso paesi "caldi" come l’Afghanistan dove opera regolarmente, hanno invitato quattro testimoni qualificati di questi cambiamenti in un incontro dal titolo "L’uomo soldato e i suoi valori. Le missioni internazionali e la loro percezione nella società". Si parlerà del giornalismo che ne descrive l’azione “sul campo” e di un romanzo dove il protagonista è un giovane paracadutista. Relatori d’eccezione saranno l’onorevole Gianfranco Paglia, due giornalisti di prima linea e l’autore del racconto ambientato in Afganistan ai giorni nostri. Aprirà l’incontro il maggiore Gianfranco Paglia, medaglia d’oro al valor militare, ufficiale dei paracadutisti in servizio, temporaneamente prestato al Parlamento, membro della Commissione difesa della Camera. Parlerà da Ufficiale che ha svolto missioni all’estero, anche recentemente, e da parlamentare che ha ripetutamente visitato i teatri operativi. Continuerà Pino Agnetti, noto giornalista e scrittore che segue le forze armate da anni in tutti i teatri. Nel 1993 era in Somalia come inviato speciale in teatro di guerra, poi in Iraq e Afganistan più volte, in Georgia e nei punti caldi del mondo. Nei suoi libri-reportage ha affrontato con originalità e schiettezza i problemi del nostro impegno internazionale. Sarà poi la volta di Gianandrea Gaiani, giornalista, analista geopolitico, appena rientrato dall’Afganistan. Il suo ultimo servizio su Panorama è di pochi giorni fa, spedito da Bala Murghab. L’in tervento finale sarà di Andrea Marrone, che parlerà del suo romanzo Kaffir. Il libro narra la storia di un paracadutista in Afghanistan. Il lavoro di Marrone rappresenta anche una delle più recenti collaborazioni con l’istituzione militare, di cui ci parlerà.
 
Di amministratore (del 13/10/2010 @ 15:49:59, in Articoli, linkato 950 volte)
ZCZC
AGIO407 3 POL O R01 / AGI Non definita

AFGHANISTAN: PAGLIA (FLI), POLITICI MERITANO SACRIFICI SOLDATI?

(AGI) - Roma, 14 ott. — Lo sguardo di Gianfranco Paglia scarta impercettibilmente, seguendo il contorno di un emiciclo che presenta ampi vuoti. Il deputato Fli siede nella fila di banchi a livello terra, perché lì può trovare posto la sedia a rotelle sulla quale si trova da quando fu ferito nello scontro del 'Checkpoint Pasta', a Mogadiscio, quando era ufficiale della Folgore, impegnato nella missione Unosom nel '93. Ora, da politico, Paglia chiude la sua dichiarazione di voto con una riflessione amara sulle presenze in Aula in occasione dell'informativa di Ignazio La Russa sulla strage di Farah.

"Tante volte mi chiedo se la classe politica meriti i sacrifici dei nostri soldati... e vedere i banchi così vuoti oggi quei dubbi me li conferma. Ma la mia certezza — conclude - è che ridare il sorriso a un bambino martoriato dalla guerra vale il sacrificio di un soldato italiano. Quindi, continui così, signor ministro". (AGI)

Bal
131446 OTF 10
NNNN
 
Di amministratore (del 19/11/2010 @ 17:49:30, in Articoli, linkato 1559 volte)
Le Ragioni di un Eroe

di Stefano Girlanda

Chi è un eroe? Cosa ha fatto un eroe per essere tale? Cosa fa di un uomo semplice un eroe? Dotte definizioni abbondano in enciclopedie del sapere, antologie di grandi pensatori, uomini di lettere.

L'idea di prevalente suggestione in un'epoca come la nostra nella quale il teatro classico per le gesta di un eroe - la guerra, la battaglia - è sempre percepito e visto come lontano da noi, è quella di Bertolt Brecht che in Vita di Galileo sentenziava: «Sventurata la terra che ha bisogno d'eroi» (o, in altre versioni: «Beato il paese che non ha bisogno di eroi», ma naturalmente da lì non ci si schioda).

Poi trovi anche lo sprezzante Flaubert che nell'Educazione sentimentale stabilisce che «Gli eroi non hanno un buon odore», chi come Foscolo non può esimersi dall'accostare gesta eroiche a delitti (Ultime lettere di Jacopo Ortis) o chi circoscrive e limita il raggio d'azione del Nostro stabilendo che «Un eroe non può essere eroe se non in un mondo eroico» (Hawthorne, Diari). Leggi, mediti, provi ad andare in controtendenza riaprendo pagine di mitologia greca al concetto aristocratico di “bello e valoroso”, t'imbatti in Ettore e Ulisse, riconsideri valore e fama.

Dei, semidei, uomini. Il mito: Carl Jung e la sua idea di eroe. E pure Ernst Junger, la prussiana “Croce al merito” Junger aveva qualcosa da dire a proposito di eroi (e psiche) nelle sue Tempeste d'acciaio. Ma anche il bene e la violenza che spesso l'accompagnano, l'inquietante ambivalenza che segna tanti prototipi di eroi. Pensi a chi, oggi, viene spesso definito eroe, a certi azzardi del mondo dello sport.

E poi ci sono eroi senza stellette, eroi in abiti civili. Ma occorre scovare tra le pieghe della storia, negli anfratti della memoria per trovare Giorgio Perlasca, un italiano scomodo, il fascista che da solo salvò migliaia di ebrei nella Budapest nazistificata: dimenticato per decenni, scoperto più o meno casualmente grazie alla Tv.

Vai con il pensiero all'avvocato Giorgio Ambrosoli, l'“eroe borghese” raccontato anche al cinema, l'integerrimo professionista che cercò di far luce sui misteri dell'opaco mondo bancario di Michele Sindona per poi finire ammazzato.

E di nuovo il buio: perchè l'Italia dimentica i propri eroi?

Poi incontri il maggiore Gianfranco Paglia, che oggi è anche onorevole, e ti trovi al cospetto di un eroe.

Anacronistico? No, siamo di fronte a un vero eroe, in carne e ossa. E in sedia a rotelle.

Di più: l'unica medaglia d'oro al valor militare in vita, «chiarissimo esempio di altruismo, coraggio, altissimo senso del dovere e saldezza d'animo», come recita la parte finale della motivazione (vedi altro articolo in questa pagina).

Gianfranco Paglia è di ritorno in terra vicentina: c'era già stato in un lontano autunno, novembre 1999, quando si trovava a Villa Margherita di Arcugnano per un periodo di lunga riabilitazione; era in palestra quando ricevette la visita di un gruppo di paracadutisti che al triplice grido di Folgore! quasi quasi riuscirono a strappargli una lacrima di commozione. Quasi quasi.

Di anni ne sono passati da allora. La sua storia ha ispirato il film per la tv “Le ali” (Rai 1) e all'impegno militare ha unito quello civile, con l'elezione in Parlamento nelle fila del Pdl (2008) e la successiva adesione al gruppo di Gianfranco Fini Futuro e Libertà per l'Italia; ritorna dunque nelle nostre terre per un incontro promosso domani a Bassano dal deputato vicentino Giorgio Conte nelle ore in cui le dimissioni dei finiani stanno mandando gambe all'aria il governo di Silvio Berlusconi. Senza di loro il premier sembra un calviniano visconte dimezzato.

Pochi giorni fa s'è parlato (anche) di eroi davanti a una platea di milioni di telespettatori.

Dice Bersani nella trasmissione di Fazio e Saviano: “L'insegnante che insegue un ragazzo per tenerlo a scuola è l'eroe dei nostri tempi”. Dice Fini nella stessa puntata: “Per combattere gli abusi bisognerebbe insegnare fin dalla scuola che due magistrati come Falcone e Borsellino sono eroi”. Sono definizioni di identico valore?
Credo che chi arriva a dare la propria vita per un ideale meriti maggior considerazione. Non è che le definizioni di “eroe” date da Bersani e Fini si possano facilmente equiparare, e non lo dico per... partito preso. Con il doveroso rispetto, s'intenda, per coloro i quali fanno di tutto per tenere i figli a scuola.

Ma in cosa si sente eroe, lei che solo di fronte a tale definizione è solito mostrarsi titubante?

Infatti. Vorrei ribadire una cosa che ripeto fin dal giorno in cui mi fu data la medaglia: non mi sento un eroe e quando così vengo chiamato mi sento sempre a disagio. Ho solo, semplicemente fatto il mio dovere di soldato.

Chi sono allora gli eroi, maggiore Paglia?

Chi dà la propria vita per la vita degli altri. Chi si sacrifica per un un ideale dopo aver giurato fedeltà alla Patria. Penso alle forze dell'ordine, mi riferisco ai vigili del fuoco. Sono scolpiti nella storia d'Italia magistrati come Falcone e Borsellino. Quelli sono eroi.

Per stampa e televisione lei è stato a lungo un milite ignoto: cosa ha fatto di Gianfranco Paglia un esempio da citare, un militare da ammirare e rispettare e, oggi, un politico da votare?

Milite ignoto fino a un certo punto: grazie alle istituzioni, alle forze armate, fino a due anni or sono ho sempre potuto continuare a fare il mio dovere di soldato con la divisa. Soldato con la esse maiuscola. Poi sì, chiaro, la maggior visibilità è data dagli inviti in tv. Fatalmente quasi sempre in occasione della morte di qualche nostro ragazzo in missione.

Lei si trova in una sedia a rotelle da 17 anni. Viene da immaginare che la più grande battaglia che ha combattuto non sia stata quella di Mogadiscio...

Siamo obiettivi: in Italia la cultura della disabilità sta nascendo solo ora. Non è tanto un discorso relativo all'accettazione nella società, questo non lo posso fare direttamente io che rispetto ad altri sono stato fortunato avendo avuto le istituzioni alle spalle. Rientrato in Italia paralizzato dopo lo scontro a fuoco in Somalia, di fatto ero una novità. Ora, purtroppo, persone come me non rappresentano più un fatto nuovo. E il rientro in una società nella quale le difficoltà per noi disabili sono tante non è mai scontato. Tutt'altro.

Giorgio Perlasca riscoperto grazie a una trasmissione Tv, l'avvocato Ambrosoli e lei stesso per lungo tempo “non identificati”: perchè l'Italia dimentica i propri eroi?

È una questione di cultura, di sensibilità. Valorizzando chi dona qualcosa alla Patria, da questo punto di vista gli Stati Uniti ci impartiscono molte lezioni. Non faccio un discorso politico, ma gli americani hanno un senso della Patria che da noi non tutti hanno. È solo grazie al presidente Ciampi che il 2 giugno sono tornate a sfilare ai Fori Imperiali le Forze armate. Ed è uno spettacolo vedere i bambini con il loro Tricolore, felici, raggianti. Forse qualcosa sta cambiando, e purtroppo anche per i tanti Caduti italiani in missione.

A proposito di Tv, molti ricordano ancora quando lei, ospite di Ballarò dopo l'uccisione di alcuni nostri soldati in Afghanistan, rispose annichilendo il conduttore Floris che le aveva appena chiesto Vale la pena morire? con quel «Vale la pena per chi crede nella lealtà, nell'onore, nell'amore per la Patria». È una risposta che darebbe anche oggi?

Gli italiani hanno cominciato a riconsiderare, e a capire, certi valori dopo la strage di Nassirya. La gente allora ha realizzato che siamo gente in divisa che rischia la vita, che dona la vita per un semplice giuramento di fedeltà alla Patria. Oggi, a ogni nostro Caduto, ci sono persone che stanno ore in fila per andare al monumento al Milite Ignoto: questo prima non accadeva. C'è rispetto sì, ce n'è tanto di più di un tempo. E poi non posso scordare le lezioni di vita che ci impartiscono i genitori dei nostri Caduti: orgogliosi e fieri dei loro figli. Sempre.

L'Italia ha 150 anni: cosa rappresentano?

La dimostrazione che c'è una sola Italia, che c'è una sola Patria. C'è chi ha dato la vita per questo.

Torniamo agli eroi: l'attuale capo del governo Berlusconi e il senatore del Pdl Marcello Dell'Utri, definirono eroe il chiacchierato stalliere di Arcore Mangano: perchè dal carcere non li tirò in ballo in vicende piuttosto losche. Cosa provò quel giorno?

Sconcerto. Ma soprattutto un senso di nausea. Io cerco sempre di rispettare tutto e tutti, però c'è un limite.

«Certi valori o li hai o non li hai, nessuno te li può insegnare e tu non li puoi imparare»: anche questa sua affermazione lasciò di sale Floris scatenando l'applauso degli ospiti in studio. Venendo all'attualità, a quali valori ha fatto appello aderendo a FLI, accusato ora di tradimento da chi magari scorda facilmente il voltafaccia bossian-leghista del 1994?

Lealtà, onore, rispetto, amor di Patria, giustizia e legalità. I miei valori.

“Per volare non servono le gambe, servono le ali”, le disse un fisioterapista russo tanti anni fa: dove vorrebbe volare oggi Gianfranco Paglia?

Il mio volo mi ha portato ad avere una moglie, due figli: la mia famiglia. Spero di continuare il volo per avere la possibilità di veder crescere i miei piccoli. Il mio inno alla vita.

“Sventurata la terra che ha bisogno d'eroi...”

Bertolt Brecht, certo: l'ho spesso sentita citare. Naturale: non condivido. La terra che ha bisogno di eroi, che ha prodotto eroi, è una terra che è stata ben seminata: che ha dato al mondo uomini di valore. Sfortunata è la terra che non li ha.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

back to home page

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 99 persone collegate

< novembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Titolo
Appuntamenti (7)
Articoli (42)
articolo (1)
Caserta (41)
Commemorazione (3)
comunicato stampa (16)
Convegno (1)
evento (1)
FLI (5)
Incontro (8)
Incontro Evento (29)
Incontro studenti (4)
Iniziative (3)
Interventi (85)
Intervista (4)
Interviste (18)
Video (9)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
v. precedenti richieste. Grazie per una risposta
22/09/2014 @ 11:05:55
Di Parini ferruccio
Storia inedita della Somalia
22/09/2014 @ 10:48:21
Di Parini Ferruccio
GRAZIE COLONELLOPER LE BELLE PAROLE
19/04/2014 @ 18:13:49
Di Giacopelli Roger
Grazie colonnello per il suo supporto e come sempr...
19/04/2014 @ 13:20:04
Di A.M. Bonaffini francesco
COLONNELLO LEI E' UN ESEMPIO PER TUTTI NOI!FOLGORE...
18/04/2014 @ 18:55:49
Di  CMS GUGLIELMI LORENZO

Titolo
Segretario: Salvatore Paglia
WebMaster: Giovanni Paglia




27/11/2022 @ 02:01:08
script eseguito in 1037 ms