Il Blog di Gianfranco Paglia dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog

\\ Blog : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Gianfranco Paglia: I diritti dei diversamente abili vanno salvaguardati

"Basterebbe così poco per abbattere le barriere architettoniche e non, che non consentono ai diversamente abili di vivere in maniera normale la propria vita. - questa la dichiarazione della medaglia d'oro al Valore Militare Gianfranco Paglia, invitato ad aprire la partita dl Cuore, "Insieme si può" stamattina alle ore 10.00 a Mugnano. - Penso che il problema dei disabili sia innanzitutto culturale e, per questo motivo, avevo presentato una proposta di Legge che prevedeva sanzioni severe per quei Comuni che non si mettevano in regola con la normativa vigente. Sono certo che se noi vogliamo, la ricchezza rappresentata dai diversamente abili potrà tornare molto utile alla nostra Nazione oltre a permettere a dei cittadini, che non sono certamente inferiori a nessuno, di sentirsi parte effettiva della collettivitá . Il nostro civilissimo popolo da già per scontate queste istanze. Tocca ora alla politica far sì che questa volontà diventi realtà in maniera effettiva".

Link correlati all'articolo:
Campania Notizie
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Paglia - non permettiamo che Palazzo Reale di Caserta diventi una nuova Babele

"La domanda è: di chi è Palazzo Reale, della Sovrintendente o della collettivitã? Come si fa a non saper gestire uno dei più bei monumenti al mondo ed una delle collezioni di arte contemporanea, Terraemotus, piú straordinarie d'Europa. E poi la David si interfaccia con i casertani o solo con gli amici romani per crearsi benemerenze lì." È quanto si chiede Gianfranco Paglia, Medaglia d'Oro al Valor Militare, alla luce degli ultimi episodi di degrado della Reggia di Caserta. "Il problema è che - continua- le nostre prestigiose bellezze artistiche non sono gestite per il bene della Nazione a cui appartengono, ma solo per soddisfare le smanie carrieristiche di soprintendenti burocrati. Se é vero che la classe politica ha grandi colpe, quella dirigente ne ha ancora di più. Il parco di Palazzo Reale di Caserta è ridotto a livello di campetto di periferia, erba alta, vasche che non vengono pulite da settimane ed un degrado che mi fa temere per la Reggia di Caserta una fine indecorosa. Ha ragione il sindaco Del Gaudio quando afferma che solo l'Esercito può salvare la prestigiosa reggia borbonica. E d'altra parte, le uniche aree del Palazzo mantenute decentemente sono proprio quelle gestite dall'Aeronautica Militare. Diciamoci la verità: la David non ama Caserta e lo dimostra il disprezzo che ha verso le eccellenze intellettuali e politiche della città. Leggo da giorni interventi di rappresentanti di diversi settori sociali e politici che mirano a difendere solamente l'operato della propria categoria. Questa logica non ci ha portato e non ci porta da nessuna parte. Il mio è un appello al contrario, ognuno faccia al meglio il proprio dovere e, magari, anche qualcosa di più. Solo unendo tutte le forze e specificità della città e del Palazzo, possiamo cominciare a venirne fuori. Una cosa deve essere chiara, innanzitutto bisogna capire cosa sta facendo il ministero dei Beni Culturali per Palazzo Reale di Caserta e quanto si vuole veramente investire in questo monumento ed in questa città. A questo punto a mali estremi, estremi rimedi o la David accetta di interfacciarsi con tutte le forze politiche, economiche, culturali ed intellettuali della città per rilanciare insieme la Reggia Vanvitelliana, o è l'intera Caserta che deve chiedere il suo allontanamento.

Link correlati all'articolo:
Caserta Focus
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Gianfranco Paglia: il ritorno dei Marò in India è una pagina buia e vergognosa della nostra storia

"Io non capisco. Non capisco proprio - dichiara la medaglia d'oro al valor militare Gianfranco Paglia. Il ritorno di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in India è una pagina vergognosa non soltanto della nostra politica internazionale, ma, soprattutto, nei confronti dei nostri soldati che, in nome del giuramento di fedeltà alla Patria, sono sparsi per il mondo a rischiare la vita. In spregio a qualsiasi norma di diritto internazionale l'India ha assunto una posizione che definire arrogante ed incivile è un eufemismo. Eppure i nostri uomini erano impegnati in una missione ONU ed operavano in acque internazionali. Con che faccia e con che credibilitá si mandano i nostri soldati nelle missioni all'estero quando, poi, non si è neppure in grado di difenderli? Come al solito la politica italiana è stata incapace di assumere una posizione netta e chiara in difesa dei nostri marò, ma si sa, quando ci sono in ballo gli interessi economici le regole non valgono più. Sono arrabbiato e deluso; penso che i nostri uomini valgano di più di una ragione commerciale. È scritto nel Vangelo che non si possono servire due padroni: Dio ed il denaro. Per l'ennesima volta abbiamo scelto il denaro contro la giustizia. E, per l'ennesima volta ancora, i nostri splendidi soldati hanno risposto: obbedisco!"

Link correlati all'articolo:
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Marò - Paglia: commozione e orgoglio per annuncio Farnesina

ROMA (ITALPRESS) - "L'annuncio del Ministro degli Esteri Giulio Terzi di non far rientrare i due Maro' in India riempie di commozione e di orgoglio". Lo afferma in una nota Gianfranco Paglia, medaglia d'oro al valor militare. "L'Italia - aggiunge Paglia - ha cercato di evitare fino alla fine di aumentare la tensione attorno a questa vicenda utilizzando i guanti bianchi della diplomazia. Ma davanti alla sordita' del Governo indiano e' chiaro che quella intrapresa dalla Farnesina e' l'unica strada perche' Massimiliano Latorre e Salvatore Girone siano davvero in sicurezza all'interno dei confini nazionali. D'altronde si tratta di due figli dell'Italia che sono stati ingiustamente detenuti in India per aver difeso il nostro Paese. Ora spero vivamente - conclude Paglia - che il prossimo Governo risolva una volta per tutte la questione con l'India e, soprattutto, che riveda l'utilizzo dei nostri militari sulle imbarcazioni civili. Perche' un incubo come questo non venga rivissuto mai piu' da nessuno".
(ITALPRESS).

Link correlati all'articolo:
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

back to home page

Cerca per parola chiave
 

Ci sono 136 persone collegate

< novembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Titolo
Appuntamenti (7)
Articoli (42)
articolo (1)
Caserta (41)
Commemorazione (3)
comunicato stampa (16)
Convegno (1)
evento (1)
FLI (5)
Incontro (8)
Incontro Evento (29)
Incontro studenti (4)
Iniziative (3)
Interventi (85)
Intervista (4)
Interviste (18)
Video (9)

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
v. precedenti richieste. Grazie per una risposta
22/09/2014 @ 11:05:55
Di Parini ferruccio
Storia inedita della Somalia
22/09/2014 @ 10:48:21
Di Parini Ferruccio
GRAZIE COLONELLOPER LE BELLE PAROLE
19/04/2014 @ 18:13:49
Di Giacopelli Roger
Grazie colonnello per il suo supporto e come sempr...
19/04/2014 @ 13:20:04
Di A.M. Bonaffini francesco
COLONNELLO LEI E' UN ESEMPIO PER TUTTI NOI!FOLGORE...
18/04/2014 @ 18:55:49
Di  CMS GUGLIELMI LORENZO

Titolo
Segretario: Salvatore Paglia
WebMaster: Giovanni Paglia




27/11/2022 @ 02:53:14
script eseguito in 1025 ms