dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
\\ Blog : Articolo : Stampa
Intervento Camera
Di amministratore (del 06/07/2011 @ 21:38:13, in Interventi, linkato 3856 volte)
Svolgimento di interrogazioni a risposta immediata:
"Chiarimenti in merito ad ipotesi di riorganizzazione della Croce rossa italiana, con particolare riferimento all'eventuale smilitarizzazione del relativo corpo militare"


PRESIDENTE: L'onorevole Paglia ha facoltà di illustrare la sua interrogazione n. 3-01736, concernente chiarimenti in merito ad ipotesi di riorganizzazione della Croce rossa italiana, con particolare riferimento all'eventuale smilitarizzazione del relativo corpo militare (vedi l'allegato A - Interrogazioni a risposta immediata).

GIANFRANCO PAGLIA: Signor Presidente, volevo sapere dal Ministro se corrisponda al vero che è in atto da parte del commissario straordinario della Croce rossa italiana - nominato tre anni fa dal Presidente del Consiglio dei ministri e per due volte prorogato nell'incarico - la presentazione al Consiglio dei ministri di un progetto di smilitarizzazione del corpo militare della Croce rossa italiana, nell'ambito di un processo di riorganizzazione dell'ente, e se e come questa ipotesi si integri con il progetto di più generale «privatizzazione» della Croce rossa italiana.

PRESIDENTE: Il Ministro per l'attuazione del programma di Governo, Rotondi, ha facoltà di rispondere.

GIANFRANCO ROTONDI, Ministro per l'attuazione del programma di Governo: Signor Presidente, il Ministero della difesa, come previsto dall'articolo 10 del decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio 1980, n. 613, ha funzioni di vigilanza esclusivamente nei confronti del corpo militare della Croce rossa italiana e solo per ciò che attiene l'erogazione dei fondi per la preparazione del personale e l'acquisto di materiali e mezzi, al fine di assicurare costantemente l'efficienza dei relativi servizi in qualsiasi circostanza. Il personale militare della Croce rossa non appartiene alle Forze armate e non ha mai ricevuto una disciplina contestuale con quella del personale statale appartenente alle Forze armate, essendo tra l'altro personale non dell'amministrazione dello Stato, ma di un ente pubblico non economico.
Ciò premesso, quanto al personale della Croce rossa italiana appartenente alle due componenti ausiliarie delle Forze armate, si dà assicurazione che il Governo, auspice il Ministro della difesa, si farà carico di vigilare perché siano salvaguardate anche per il futuro, in sede di riforma della Croce rossa italiana, secondo quando previsto dall'articolo 2, comma 2, della legge n. 183 del 2010, la loro militarità ed il loro rapporto di ausiliarietà.

PRESIDENTE: L'onorevole Paglia ha facoltà di replicare.

GIANFRANCO PAGLIA: Signor Presidente, io sottoscrivo le parole del Ministro della difesa, con la speranza che se lo ricordi, in quanto comunque il corpo militare della Croce Rossa ha 145 anni di storia, quindi, a mio avviso, vanno rispettati in tutti i sensi.