dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
\\ Blog : Articolo : Stampa
Il Corriere del Mezzogiorno del 30 Giugno
Di amministratore (del 01/07/2011 @ 10:41:03, in Caserta, linkato 736 volte)
Fli, l'eroe Paglia nominato commissario

CASERTA – Era già il leader nei fatti, oltre che l’interlocutore privilegiato di Gianfranco Fini. Ma il presidente della Camera   ha voluto sgombrare il campo dagli equivoci e ribadire le gerarchie sul territorio: da un paio di giorni, Gianfranco Paglia, l’eroe del check point “Pasta”, è il nuovo commissario provinciale di Fli in provincia di Caserta. Prende il posto di Giuseppe Sagliocco, che dopo le amministrative è dato in uscita dal partito.   Il posto cui   non faceva mistero di ambire Gigi Falco, dopo la candidatura a sindaco nella città capoluogo.

A Paglia, però, non basta l’investitura del capo. Ci tiene ad avere anche quella della base. E così ha già messo in moto la macchina organizzativa per il congresso: “Contavamo di tenerlo entro fine luglio – spiega la medaglia d’oro al valore militare – ma probabilmente saremo costretti a spostarlo in autunno. Anche perché in questa fase la nostra attenzione è rivolta soprattutto alla manifestazione del terzo polo in programma il 22 luglio a Roma. Intanto proseguiamo con l’opera di rafforzamento del partito e di radicamento sul territorio. Partiamo dai risultati delle ultime amministrative che hanno consegnato a Fli un buon risultato a Capua e un consigliere comunale a Caserta, con Luigi Cobianchi. Anzi, potrebbero essere due visto che io auspico che Gigi Falco resti nel partito”.

Il nodo principale, comunque, resta quello dei rapporti con l’Udc, partner fondamentale all’interno del terzo polo, ma che in Terra di Lavoro, soprattutto nella città capoluogo, resta schierato su fronti opposti: il partito di Casini è in giunta, quello di Fini all’opposizione. “E’ ancora una fase transitoria – sottolinea Paglia – e comunque bisogna gettare le basi per recuperare l’intesa, partendo dagli argomenti concreti. Da parte nostra non ci sarà un’opposizione pregiudiziale”.

Pietro Falco